Lavorazione

La lavorazione di tutti i nostri estratti segue regole molto precise, rifacendosi alle tecnologie derivanti dalla Tradizione Alchemica occidentale e in parte orientale. Abbiamo fatto un grande sforzo di concetto e di ideali per riassumere tutte le lavorazioni operate dagli antichi alchimisti nelle più moderne regolamentazioni in ambito chimico, estrattivo e laboratoristico. Seguiamo quindi tutte le normative GMP europee e le norme di buona fabbricazione senza aver tolto nulla alla “magia” che regna nel momento in cui ci accingiamo a produrre un estratto vegetale o minerale.

Alla nascita di un rimedio partecipano sempre in sincronia tutti gli elementi dell’ecosistema: il Fuoco, che si manifesta nel mondo minerale, la Terra che si esprime nella pianta, l’Acqua che compone la soluzione e l’alcool, che rappresenta la capacità estrattiva dell’elemento Aria.

La lavorazione inizia nel momento della raccolta (per le piante spontanee) o della semina (per le piante coltivate nei nostri mandala circolari). Tutte le fasi, inclusa la raccolta, seguono tabelle lunari e solari, per poter cogliere assieme alla pianta anche il “momentum” cosmico che già di per se dona grande dinamismo alla pianta.
La fase successiva è l’estrazione idro alcolica della pianta o di parti di essa. La durata di questa fase è mediamente di 28 giorni (un ciclo lunare) e si svolge in un ambiente appositamente costruito chiamato “Kripta”. Qui, la pianta rilascia la sua energia (anima o vibrazione elettromagnetica) nel mezzo liquido che “registra” queste frequenze vibratorie. Utilizziamo come estrattore e conservante dell’informazione della pianta alcool distillato da Vite, pianta regale e solare per eccellenza.

Dopo aver riposato 28 giorni nella Kripta, l’estratto viene filtrato e il corpo residuo della pianta separato dalla soluzione estrattiva idro alcolica. A questo punto avviene la calcinazione del residuo vegetale ottenendo il sale purificato della pianta. In questa fase il fuoco, elemento primario nel processo alchemico, rivela i minerali più puri contenuti nella materia vegetale: tali minerali verranno poi ricongiunti al mezzo liquido, affinchè la pianta possa letteralmente risorgere dalle proprie ceneri.

Dopo un ulteriore periodo di riposo, la soluzione contenente i sali della pianta è filtrata con un panno di lino grezzo, eliminando così le impurezze e ottenendone la chiarificazione. L’estratto della pianta – o quintessenza – è pronto e può ora seguire ulteriori fasi di lavorazione oppure far parte direttamente dell’universo dei nostri prodotti.

Pietre e Cristalli

Ogni pianta ha necessariamente bisogno della terra, dalla quale assorbe i nutrienti e in particolare i sali minerali. Per questo motivo in ogni estratto collochiamo un cristallo, rappresentante del regno minerale che dona struttura e stabilità all’estratto vegetale.

Selezioniamo cristalli certificati di purezza quanto più vicina alla gemma preziosa, per donare ai nostri estratti la potenza vibrazionale della gemma, il cui processo formativo contempla la paziente strutturazione nelle viscere della terra sotto la spinta dell’elemento Fuoco. I cristalli, immersi in una soluzione idro alcolica, riposano in recipienti circolari (palloni) privi di angoli, per fa si che la natura del cristallo non si disperda e l’informazione rimanga memorizzata nell’acqua.

Al di là di ciò che i nostri sensi percepiscono, esiste un universo immenso composto da energie sottili che permeano tutti i CORPI materiali. Questo mondo sottile è una realtà che appartiene a ciascuna forma vivente ed è sperimentabile quotidianamente nel nostro vissuto emotivo, psichico e sentimentale. LogoSolar promuove una nuova visione del benessere, basata sull’equilibrio fisico, emozionale e spirituale.